Condividi:

Il verdetto è quello atteso: il 19 dicembre saranno Josè Antonio Kast e Gabriel Boric a sfidarsi nel ballottagio per l’elezione del presidente della repubblica. Quando è stato scrutinato il 93,86% delle schede, il candidato di ultradestra José Antonio Kast è in testa con il 27,99% dei consensi davanti al candidato della sinistra, Gabriel Boric che ha ottenuto il  (25,67%. Altri cinque candidati seguono con risultati molto inferiori. La successione al presidente uscente Sebastian Piñera sarà quindi risolta al ballottaggio del 19 dicembre prossimo.

L’estrema divisione dell’elettorato e la profonda distanza tra i due fronti principali della contesa hanno spinto il presidente Sebastian Pinera a rivolgere un appello accorato ai due contendenti: “Voglio chiedervi dal profondo del cuore di cercare le vie della pace e della non violenza – ha detto il presidente del Cile, commentando i risultati del primo turno – , della responsabilità e non del populismo, della moderazione e non della polarizzazione”.

Salutando i sostenitori, Kast ha ribadito la sua linea dura, proponendosi come l’alfiere di un modello di Cile “nemico della corruzione del narcotraffico e della violenza”. Se sarò eletto presidente, ha assicurato, “ci sarà un Paese tranquillo e sicuro, con uno Stato al minimo e meno tasse, garante di libertà e democrazia, libero dal comunismo”. Perché, ha enfatizzato, “non vogliamo né essere Cuba né il Venezuela”. Nel discorso il leader del Partido Republicano non ha esitato ad attaccare il suo sfidante, accusandolo di avere in programma di “indultare i delinquenti”.

Prendendo la parola nel suo quartier generale, Gabriel Boric ha detto invece che “gli elettori ci hanno dato un incarico tremendo: quello d guidare una sfida per la libertà e la democrazia”. Alludendo al fatto che mai nella storia dei ballottaggi presidenziali in Cile un candidato partito da secondo è riuscito a entrare nella Moneda, il candidato di “Apruebo Dignidad” ha sottolineato che “non è la prima volta che partiamo da dietro”, e “lo abbiamo fatto con successo nelle battaglie sociali di questi anni”. Già da domani, ha concluso, “partiremo con una grande crociata per una speranza che batta la paura, comunicando a tutti gli indecisi che votando per noi sceglieranno un Cile diverso e più giusto”.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy