Condividi:

LONDRA – Dopo un mese di ricovero e un delicato intervento al cuore, il 99enne Principe Filippo è stato dimesso stamattina dall’ospedale Edward VII del quartiere di Marleybone, al centro di Londra, ed è tornato a casa a Windsor. Tirano un sospiro di sollievo i sudditi e il Paese, dopo alcune settimane di tensione a Palazzo Reale, esacerbate dall’esplosiva intervista di Harry e Meghan che hanno esplicitamente accusato di razzismo i Windsor. 

All’uscita dall’ospedale, il duca di Edimburgo e marito della regina Elisabetta II è apparso in discreta forma, nonostante le ultime settimane di timore per le sue condizioni precarie: Filippo è salito con le sue gambe sull’auto che lo riaccompagnerà probabilmente al Castello di Windsor, per riunirsi con la sovrana, anche se questo non è stato confermato ancora ufficialmente da Buckingham Palace. Seduto sul sedile posteriore, Filippo è sembrato vigile e apparentemente in salute dopo quattro settimane di ricovero prima all’Edward VII e poi al vicino St Bartholomew’s per una non precisata infezione che poi ha necessitato un intervento cardiaco per una condizione pre-esistente.

Tra meno di tre mesi, il 10 giugno, il principe compirà 100 anni, ma a causa delle restrizioni anti Covid ancora in atto i festeggiamenti dovrebbero essere contenuti, a meno di straordinari progressi nella lotta alla pandemia e nel programma di vaccinazioni che sta correndo forte in Regno Unito: oltre 25 milioni di inoculazioni sinora effettuate, entro questa settimana metà della popolazione residente in Regno Unito sarà stata parzialmente immunizzata con almeno una dose. Anche Filippo e la Regina hanno ricevuto per ora una dose di vaccino circa un mese e mezzo fa. 

È stato il ricovero in ospedale più lungo per Filippo, da quando ha iniziato a soffrire di vari acciacchi. Ma anche stavolta sembra essersi ripreso, nonostante la visita di suo figlio Carlo una ventina di giorni fa avesse fatto temere il peggio, visto che il principe ereditario aveva tradito una lacrima all’uscita dall’ospedale.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy