Condividi:

Green Pass, si va verso una strategia ‘modulare’ e verso la concessione del ‘lasciapassare’ dopo due dosi di vaccino. Sono le novità annunciate dal sottosegretario alla Salute Andrea Costa, che si dicuteranno mercoledì nella Conferenza Unificata straordinaria e nella Stato-Regioni. “Rispetto all’estensione del Green Pass, l’idea è quella di pensare a una modulazione e gradualità a seconda del quadro della regione: si possono cioè prevedere intensificazioni dell’utilizzo del Green Pass a seconda della situazione” ha affermato Costa.

Modulabile sulla base delle criticità regionali

“Se c’è una situazione che peggiora, automaticamente – spiega – ci può essere un’applicazione più ampia del Green Pass. È un ragionamento di buon senso: se una regione rimane bianca ci può essere un tipo di utilizzo di Green Pass, ma se una Regione ha criticità maggiori, piuttosto che chiudere si applica il Green Pass più restrittivo”.

Verso il rilascio dopo la seconda dose

Non solo, l’ipotesi è concederlo alla fine del ciclo vaccinale. “Un’altra novità all’ordine del giorno – ha aggiunto Costa – è che si va verso la concessione del certificato verde non più dopo 15 giorni dalla prima dose di vaccino ma dopo il completamento del ciclo vaccinale con le due dosi. E’ probabile che si vada in questa direzione”. Tutto questo “sulla base delle sollecitazioni del Cts, perché siamo nell’ambito delle scelte che la politica fa sulla base delle indicazioni scientifiche”.

Quanto alla possibilità di una terza dose vaccinale, “siamo in attesa delle indicazioni del Comitato tecnico scientifico che sta valutando le evidenze scientifiche. Non appena avremo indicazioni da parte della scienza – conclude Costa – saremo pronti, perché la struttura per somministrare la terza dose è già pronta nel nostro Paese”.

Più di un italiano su 2 ha completato il ciclo vaccinale

L’Italia ha superato la soglia del 50% dei vaccinati: più di un italiano su due (il 50,57 % della popolazione over 12) ha completato dunque il ciclo, a quanto emerge dal report del governo. Su un totale di 61.777.255 somministrazioni sono 27.311.228 le persone che hanno effettuato entrambe le dosi. Sono invece 66.310.986 le dosi consegnate alle Regioni, con una percentuale di somministrazioni pari al 93.2%.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy