Condividi:

LONDRA – Il tormentato rapporto di Harry e Meghan con i social network sembra essersi concluso. Perché, secondo l’informato Sunday Times, i due duchi del Sussex scappati in America avrebbero detto definitivamente addio a Facebook e Twitter. Anche l’account Instagram Sussexroyal non posta nuovi contenuti da molti mesi.

Il motivo sarebbe “l’odio contro i due sui social media”, qualcosa che Harry e Meghan hanno spesso sottolineato negli ultimi mesi. L’ex attrice americana ha più volte denunciato di essere attaccata quotidianamente online, con continue offese razziste e sessiste: “Credo di essere la persona più trollata e offesa al mondo”, aveva detto in passato. Quando i due duchi “ribelli” condividevano ancora il profilo di Kensington Palace con il principe William e sua moglie – duchessa di Cambridge Kate Middleton – Buckingham Palace fu addirittura costretto a un comunicato in cui si annunciavano denunce agli autori di commenti razzisti e sessisti: si stima che Meghan Markle all’epoca ne ricevesse fino a centinaia al giorno, incluse minacce di violenze e accuse di “fingere di essere incinta”.

Eppure, sino all’anno scorso i duchi del Sussex contavano molto sulla loro presenza sui social network, tanto che, in concomitanza con l’addio alla Casa Reale, aprirono i loro nuovi profili online senza annunciarlo preventivamente a Buckingham Palace, cosa che irritò molto i dipendenti del palazzo e i suoi responsabili della comunicazione. La stessa Meghan, prima di sposarsi con Harry, aveva una presenza molto fitta su quasi tutti i social, con milioni di follower complessivi e post quasi quotidiani: “Ma presto è diventato qualcosa di impossibile da sopportare”, aveva notato la duchessa del Sussex tempo fa.

Oggi le cose sono cambiate molto. Meghan si sente umiliata online e Harry rivede in quest’odio subito le insopportabili pressioni e le ossessioni mediatiche secondo lui responsabili della morte di sua madre Diana: “I social media”, ha detto di recente lui, “hanno provocato una crisi di odio, una crisi di salute mentale e una crisi della verità nel mondo”. Quindi i due avrebbero dato un taglio netto alla loro presenza sui social e ai 10 milioni di follower su Instagram (un milione solo nelle prime sei ore): anche la loro nuova fondazione Archewell non avrà una presenza su Twitter, Facebook e simili, e la coppia si concentrerà  sui milionari progetti di podcast e documentari su Spotify e Netflix. Neanche l’ultima sospensione di Donald Trump da Twitter, Facebook e Instagram ha fatto cambiare loro idea.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy