Condividi:

Mortalità con Hiv. Arriva finalmente una buona notizia per le persone con Hiv che seguono in modo corretto la terapia. A cinque anni dalla diagnosi i tassi di mortalità sono in linea con la popolazione che non ha contratto il virus. È questo in estrema sintesi il risultato di uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Annals of Internal Medicine. Proprio pochi giorni fa si sono celebrati i 40 anni dalla scoperta dell’infezione.

In questo articolo

Mortalità con Hiv: oltre 80.000 persone con HIV monitorate per anni

I ricercatori della University of North Carolina at Chapel Hill hanno messo sotto la lente d’ingrandimento un gruppo di pazienti tra il 1999 e il 2017. Il team di lavoro in forza nel centro di ricerca dell’ateneo nord americano ha analizzato i dati di circa 83.000 persone che convivevano con l’HIV. In particolare si è concentrato sui tassi di mortalità per qualsiasi causa. Successivamente li ha confrontati con un numero uguale di persone che non avevano l’infezione.

Mortalità con Hiv: i dati migliorano costantemente

I risultati hanno dimostrato che la differenza dei livelli di mortalità a 5 anni dalla diagnosi è stata  dell’11,1% per i pazienti che hanno iniziato le cure tra il 1997 e il 2004. Questa differenza è scesa al 2,7% per coloro che hanno seguito la terapia antiretrovirale tra il 2011 e il 2017. Il netto miglioramento negli anni si deve ai progressi nel campo scientifico nel trattamento dell’infezione. L’obiettivo è stato possibile grazie anche alle nuove linee guida sulle cure precoci e al maggior numero di diagnosi.

Ancora troppa ignoranza nell’opinione pubblica sull’HIV e sull’AIDS

Nonostante siano passati quattro decenni dalla scoperta della malattia, ci sono ancora troppi falsi miti e luoghi comuni. Ad esempio c’è chi confonde ancora oggi l’HIV con l’AIDSL’Hiv è il virus dell’immunodeficienza umana che causa l’Aids, cioè la sindrome dell’immunodeficienza acquisita. Solo se l’infezione non viene curata, si passa alla malattia, e cioè all’Aids. Ormai la medicina ha reso possibile anche a chi convive con l’HIV di azzerare la viremia, o carica virale. Così anche con l’HIV è possibile fare sesso non protetto senza rischio di contagio. I notevoli passi avanti nella ricerca non hanno però ancora portato alla scoperta di un vaccino.

Leggi anche…

Fonte : Ok Salute

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy