Condividi:
223601531 64f4f8f8 b22c 4525 919c 127f72a48a38 - I medici italiani nel Tigray: “Uccidono anche i ragazzi”

“L’esercito etiope è entrato nel Tigray distruggendo tutto: infrastrutture, fabbriche e ospedali. Mai nella mia vita ho visto strutture sanitarie e cliniche così distrutte e saccheggiate. I nostri colleghi hanno visto quattro ragazzi uccisi a un check point militare”. Marco Sandrone è il coordinatore dei progetti di Medici senza Frontiere ad Axum e Adua, in Etiopia, nel Tigray.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy