Condividi:

Impegnati a smettere di fumare. È questo il claim della Giornata Mondiale Senza Tabacco, che vuole far riflettere ancora una volta su quanto sia importante dire basta al vizio del fumo. Questi lunghi mesi di pandemia hanno avuto un duplice effetto. Da una parte hanno spinto molti italiani a smettere di fumare, preoccupati dalle conseguenze di Covid sulla salute dei polmone. Molti altri, però, spinti dallo stress e dalla paura hanno cominciato con le sigarette o hanno aumentato il loro numero. Una ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l’Istituto Mario Negri, l’Università San Raffaele, ISPRO e DOXA, ha affermato che 630.000 connazionali hanno smesso con le sigarette durante lo scorso lockdown. Nello stesso periodo però, quasi 4.000.000 di persone ha cominciato a fumare o ha aumentato le dosi. Contemporaneamente è cresciuto di quasi mezzo milione anche il numero di fumatori di sigarette elettroniche.

Attenzione massima per adolescenti che iniziano e bambini piccoli sottoposti al fumo di seconda e terza mano

In questo articolo

Nel nostro Paese ci sono ancora 10.000.000 di fumatori. La fascia con più dipendenti dalla nicotina è quella compresa tra i 25 e i 40 anni di età. Solo in Italia ogni anno perdono la vita per questo vizio più di 93.000 persone ogni anno. A fumare di più sono le categorie più svantaggiate, sia dal punto di vista economico, sia da quello dell’istruzione. In media gli italiani fumano 12 sigarette al giorno, ma il 25% dei fumatori supera il pacchetto.

300x250 Prodotto - Impegnati a smettere di fumare: ecco l’imperativo del 2021

Grande preoccupazione per gli adolescenti che iniziano a fumare. Secondo le stime diversi ragazzini cominciano con il vizio già a dieci anni. Tra la fascia compresa tra i 13 e i 15 anni, due su dieci aspira il fumo di sigaretta regolarmente. Poco meno, il 18% utilizza le sigarette elettroniche.

Cos’è il fumo di terza mano?

Un altro dato allarmante riguarda l’esposizione al fumo passivo dei bambini piccoli. L’Istat sostiene che il 20% di loro è esposto al fumo dei genitori. La metà dei neonati ha uno dei due genitori che fuma. Molti, sbagliando, si limitano a fumare lontano dai bambini, magari sul balcone di casa. Errore importante, perché esiste anche il fumo di terza mano. Si tratta degli scarti della combustione che restano sulle mani, sul viso – attenzione particolare alla barba – e in questi tempi anche sulle mascherine.

Smettere di fumare: tutti i consigli per dire basta

Non esiste una soglia di sicurezza per il fumo per quanto riguarda l’aumento del rischio di tumore. Già una sola sigaretta causa mutazioni genetiche che possono portare a sviluppare un cancro. Ecco perché non basta limitare il fumo, occorre smettere. Sono molte le terapie a disposizione di chi voglia dire basta. Si va dai farmaci alla terapia cognitivo comportamentale. Non c’è neanche alcuna differenza tra sigarette light e sigarette normali. Ecco perché le aziende non possono più usare la parola “leggero, light in inglese” nella denominazione dei loro prodotti.

Smettere di fumare: il nostro corpo sa autoripararsi

Fortunatamente, se si smette di fumare, i nostri polmoni hanno la capacità di autoripararsi, se la situazione non è compromessa, come ad esempio in caso di BPCO. Quando si dice basta alla sigaretta il nostro corpo migliora da subito. Per tornare però ai livelli di rischio di chi non ha mai fumato, bisogna attendere quindici anni. Questo non significa che se si è anziani fumatori sia inutile smettere. Anzi, i benefici possono essere tantissimi.

Leggi anche…

300x250 Prodotto - Impegnati a smettere di fumare: ecco l’imperativo del 2021

Fonte : Ok Salute

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy