Condividi:
193750572 a6b84aa0 30c7 4979 b753 ed5b4bd6a88f - Israele, per Netanyahu la prima storica visita ufficiale negli Emirati

GERUSALEMME – Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu andrà domani in visita ufficiale negli Emirati Arabi Uniti (Eau) dove incontrerà l’erede al trono e leader di fatto Mohammed bin Zayed (Mbz). Si tratta della prima visita di Stato alla luce del sole da quando il 13 agosto è stata annunciata la normalizzazione dei rapporti tra i due Paesi, nell’ambito degli Accordi di Abramo.

In passato Netanyahu, così come diversi ministri israeliani, aveva già visitato Abu Dhabi in visite tenute segrete e mai ufficializzate. La visita storica era stata programmata nei mesi scorsi e annullata due volte a causa delle restrizioni dovute alla terza ondata di Covid e la conseguente chiusura dell’aeroporto Ben Gurion, che ha riaperto solamente tre giorni fa i battenti per consentire a migliaia di israeliani bloccati all’estero di fare rientro in vista delle elezioni previste per il 23 marzo. 

L’ufficio del primo ministro israeliano non commenta ancora la notizia, che è riportata dai quotidiani israeliani citando un alto funzionario del ministero degli Esteri emiratino, secondo cui “il premier Netanyahu è atteso domani per la prima storica visita ufficiale negli Eau su invito dell’erede al trono Mohammed bin Zayed. Alcuni dettagli sono ancora in via di definizione prima di diffondere il comunicato ufficiale”. Secondo le indiscrezioni, la questione del possibile ritorno degli Usa all’accordo sul nucleare iraniano occuperà una parte importante dell’agenda degli incontri – che dovrebbero svolgersi unicamente nella giornata di giovedì.

Ieri, durante una riunione al Cairo del Forum del gas del Mediterraneo – di cui sono membri Israele, Egitto, Giordania, Grecia, Cipro, Italia e l’Autorità Nazionale Palestinese – è avvenuto un incidente che alcuni in Israele interpretano come una “vendetta” palestinese rispetto alla decisione degli Emirati di intraprendere la strada del dialogo con Israele – decisione seguita nelle settimane successive da Bahrein, Sudan e Marocco, anch’essi parte dell’intesa degli Accordi di Abramo: il rappresentante palestinese ha infatti posto il veto alla richiesta di Abu Dhabi di entrare nel Forum come osservatore. 

Tra il presidente palestinese Abu Mazen e il leader emiratino Mbz da anni è in corso un deterioramento dei rapporti, a causa del sostegno che quest’ultimo ha offerto a Mohammad Dahlan, l’arcirivale di Abu Mazen che dal 2012 vive in esilio ad Abu Dhabi, dopo essere stato espulso da Fatah e dall’Autorità Palestinese nel 2011. Esponenti vicini a Dahlan sono ora in procinto di presentare una lista riformista antagonista a quella di Abu Mazen per concorrere alle elezioni parlamentari palestinesi annunciate per il 22 maggio – le prime dopo 16 anni, il cui svolgimento reale è ancora incerto secondo diversi analisti. 

Dopo l’annuncio degli Accordi di Abramo, la leadership di Ramallah aveva accusato gli Emirati di “aver tradito la causa palestinese”, richiamando il proprio ambasciatore ad Abu Dhabi, insieme a quello in Bahrein. A novembre, tuttavia, questi avevano fatto rientro alle proprie sedi diplomatiche, in un gesto che all’epoca fu interpretato come una volontà di distensione dei rapporti in vista dell’insediamento della nuova amministrazione americana Biden. 

La settimana scorsa è invece arrivato in Israele Mohamed al Khaja, il primo ambasciatore emiratino nello Stato ebraico, che a Gerusalemme ha presentato le credenziali al presidente Reuven Rivlin e incontrato Netanyahu, oltre a diversi ministri, tra cui degli Esteri, del Turismo e dell’Economia. Khaja, già capo consigliere del Ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale degli Emirati, rientrerà in Israele in pianta stabile ad aprile. Anche Israele ha inviato ad Abu Dhabi il proprio rappresentante diplomatico, Eitan Naeh, già ambasciatore ad Ankara, che si trova ad Abu Dhabi da gennaio.

I rapporti tra i due Paesi hanno visto un’impennata immediata dal momento della dichiarazione della normalizzazione: da settembre si sono svolte numerose delegazioni di politici e  funzionari governativi, tra cui quella del ministro dell’Economia emiratino a ottobre, e sono stati siglati centinaia di partnership tra centri di ricerca, università, aziende, che in pochi mesi hanno portato a scambi commerciali per un valore di 300 milioni di dollari. 

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy