Condividi:

PARIGI – Dall’Hotel de Ville all’Eliseo. La sindaca Anne Hidalgo si candida ufficialmente alle presidenziali di aprile. Dopo mesi di indiscrezioni, e un’ambizione non più segreta, Hidalgo ha fatto l’annuncio a Rouen, capoluogo della Normandia a guida socialista. “Con umiltà”, ha spiegato a proposito della candidatura, la dirigente socialista sessantenne ha promesso: “Voglio che tutti i bambini di Francia abbiano la stessa possibilità che è stata data a me”, alludendo alle sue origini spagnole. I genitori di Hidalgo erano fuggiti dal franchismo per rifugiarsi a Lione, dove Ana all’epoca è cresciuta prima di essere naturalizzata francese a quattordici anni, diventando Anne. 

“Sono candidata per offrire un futuro ai nostri figli. A tutti i nostri figli”, ha insistito parlando nelle stesso momento in cui Marine Le Pen faceva la sua rentrée politica a Fréjus, sud della Francia. La sindaca di Parigi, eletta prima donna all’Hotel de Ville nel 2014 e poi confermata l’anno scorso per un secondo mandato, ha criticato Emmanuel Macron. “Il mandato quinquennale che sta per finire doveva unire i francesi, ma li ha divisi come mai prima d’ora. Doveva risolvere i problemi sociali, ma li ha peggiorati. Doveva proteggere il nostro pianeta, ha voltato le spalle all’ecologia”. Hidalgo ha aggiunto di voler “cominciare a mettere fine al disprezzo, all’arroganza, all’accondiscendenza di coloro che sanno così poco della nostra vita ma decidono lontano da noi, su tutto, sempre, senza di noi”. 

Con un programma all’insegna della “social-ecologia”, Hidalgo corre per il partito socialista ma deve far fronte a una gauche divisa dove la France Insoumise ha già ricandidato Jean-Luc Mélenchon, il partito comunista correrà con Fabien Roussel e i verdi di Europe Écologie les Verts sceglieranno un loro esponente questo mese attraverso primarie.

Finora i sondaggi non sono favorevoli alla sindaca della capitale, con preferenze tra il 7 e il 9 per cento. Ma ora che è ufficialmente candidata Hidalgo vuole organizzare un tour de France per farsi conoscere meglio, pubblicando anche un’autobiografia dal titolo “Une femme française”. Hidalgo racconterà la sua infanzia, l’ingresso in politica da quando era una semplice ispettrice del lavoro, ma anche le tante crisi che ha dovuto affrontare alla guida di Parigi, dagli attentati terroristi al movimento dei gilet gialli, all’incendio di Notre-Dame agli effetti della pandemia. “So quanto sia difficile esercitare il potere”, ha commentato la candidata, sostenendo di voler ripristinare il “rispetto” e l’unità del paese.   

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy