Condividi:

ROMA –  La Libia, gli equilibri regionali e i rapporti fra Italia ed Emirati arabi uniti, non sempre facili negli ultimi mesi. Sono stati i temi al centro del colloquio telefonico fra il presidente del Consiglio, Mario Draghi,e il principe ereditario di Abu Dhabi, Mohammed Bin Zayed Al Nahyan. La notizia del colloquio è arrivata da un comunicato di Palazzo Chigi che ha specificato come lo scambio di vedute si sia concentrato sulla collaborazione bilaterale anche nella prospettiva di un possibile ulteriore rafforzamento e sui principali dossier regionali, con particolare riguardo appunto alla situazione in Libia.

La crisi

Nei mesi scorsi i rapporti dei due Paesi erano diventati tesi in seguito all’embargo adottato in gennaio contro l’esportazione di armi verso l’Arabia Saudita e gli Emirati. In estate però, una mossa condivisa da Palazzo Chigi, dal ministero della Difesa e dal ministero degli Esteri ha di fatto revocato il congelamento. Una scelta dettata anche dalla reazione degli  emiratini che avevano risposto alla scelta di Roma annullando  contratti commerciali con l’Italia e avviando una serie di ritorsioni politiche. Fra cui la chiusura dell’accesso per la Difesa italiana alla base aerea di Al Minhad: l’aeroporto emiratino è stato utilizzato per anni dall’Aeronautica italiana per i rifornimenti e i trasferimenti logistici verso l’Afghanistan e verso il Kuwait.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy