Condividi:

GERUSALEMME. La visita ad Abu Dhabi del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, che si sarebbe dovuta tenere oggi nel pomeriggio, è stata annullata all’ultimo momento. Secondo quanto riportato dalla stampa israeliana, il dietrofront sarebbe conseguenza di un incidente diplomatico in corso con la Giordania, che avrebbe negato a Israele la possibilità di sorvolare il proprio spazio aereo. 

Ieri il principe giordano Hussein bin Abdallah avrebbe dovuto recarsi a Gerusalemme per pregare alla Moschea di Al Aqsa in vista del Ramadan, tuttavia, quando la delegazione era già in prossimità del valico di Allenby tra Israele e Giordania, ha fatto rientro ad Amman a causa di una diatriba sulle misure di sicurezza e nello specifico sul numero di agenti armati della scorta giordana, che secondo Israele superava quanto concordato tra le parti. 

In mattinata già si era prospettata la possibilità di rimandare la visita negli Emirati Arabi Uniti (Eau) in quanto Sara, la moglie del premier, è stata ricoverata nel corso della notte all’ospedale Hadassah di Gerusalemme, dove potrebbe essere sottoposta oggi a un intervento di appendicite. 

Questa è la quarta volta che la storica visita di Netanyahu – la prima ufficiale dall’avvio della normalizzazione con gli a Emirati Arabi Uniti nell’agosto scorso – viene rimandata. Tre visite precedenti sono state annullate a causa delle restrizioni Covid che avevano portato a un terzo lockdown e al blocco dei voli dall’aeroporto Ben Gurion, che ha riaperto solo questa domenica. 

Netanyhau avrebbe dovuto incontrare per la prima volta alla luce del sole l’erede al trono e leader di fatto degli Eau Mohammad bin Zayed – che proprio oggi festeggia 60 anni. Inoltre, secondo fonti diplomatiche emiratine e israeliane riportate dalla stampa locale, erano in corso contatti affinché all’incontro partecipasse anche l’erede al trono saudita Mohammad bin Salman (Mbs). Una fonte saudita questa mattina aveva smentito alla Reuters che sarebbe stato presente al Abu Dhabi. 

Va segnalato che l’ufficio del primo ministro non aveva finora ancora confermato la missione, che è stata rivelata ieri dalla stampa israeliana citando un funzionario emiratino. 

La notizia aveva suscitato molte critiche per via della prossimità della visita alle elezioni del 23 marzo, con l’opposizione che accusa Netanyhau di sfruttare la sua posizione internazionale per migliorare il suo posizionamento nei sondaggi.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy