Condividi:

A Genova ristoratori, titolari di palestre e operatori turistici sono tornati a manifestare in piazza sotto le insegne di #protestaligure. Sono tra i 400 e i 500, partiti in corteo da piazza De Ferrari stanno percorrendo l’arteria principale della città, via XX Settembre, gridando “Libertà” e “lavoro”. La mobilitazione era partita alcune settimane fa dai ristoratori e si era poi estesa alle altre categorie bloccate dal lockdown.

“Libertà”, protesta ligure in corteo

761287 thumb rep 20210315 163905 - Ristoratori, palestre e operatori turistici, in corteo contro le chiusure

Pur non essendo autorizzato a causa della collocazione in zona arancione della Liguria, i manifestanti hanno formato un piccolo corteo con cartelli, fischietti e con la rituale battitura delle pentole. #protestaligure è una costola del movimento #ristoratoriuniti. “Domani è il 16 domani giorno in cui scade l’Iva. Nessuno deve più pagare: i ristori non arrivano e nemmeno la cassa integrazione. Quindi non paghiamo l’Iva – ha detto uno dei ristoratori presenti che ha tenuto un breve comizio -, non paghiamo più nulla”.  Alla guida del corteo Fabrizio Bogo, ristoratore. Al megafono ha detto che “se le cose continuano così, torneremo in piazza ogni lunedì”.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy