Condividi:

Sono circa 200 gli attivisti e i politici d’opposizione russi fermati oggi al “forum dei consiglieri municipali indipendenti” nell’hotel Izmailovo di Mosca: lo riferisce il ministero dell’Interno russo, che accusa i partecipanti al forum di aver violato le norme anti-Covid e sottolinea che all’evento erano presenti “i membri di una organizzazione le cui attività sono considerate indesiderate in territorio russo”.

Molti osservatori ritengono il blitz di polizia un ennesimo atto di repressione politica in Russia, dove a settembre sono in programma le elezioni parlamentari. In una nota, la polizia ha dichiarato invece di essere intervenuta per interrompere l’incontro perché violava le restrizioni sul coronavirus, con molti partecipanti che non indossavano maschere.

Tra gli arrestati, secondo l’ong Ovd-Info, ci sono Ilya Yashin, politico dell’opposizione che guida uno dei distretti municipali di Mosca; Yevgeny Roizman, ex sindaco di Ekaterinburg; Yulia Galyamina, ex componente del consiglio municipale di Mosca.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy