Condividi:

Zelene Blancas, 35 anni, era diventata famosa online nel 2018, dopo aver pubblicato un video con i suoi studenti. Il filmato che aveva ottenuto più di 24 milioni di visualizzazioni mostrava i suoi studenti sorridenti mentre si abbracciavano prima di una pausa del fine settimana. Voleva essere un esempio della capacità umana di provare amore ed empatia. E diffondere la gentilezza nel mondo. Insegnava a El Paso spagnolo, era nata in Texas, ma aveva vissuto parte della giovinezza in Messico.

Zelene Blancas è risultata positiva al virus il 20 ottobre ed è stata ricoverata in ospedale pochi giorni dopo, ha detto suo fratello Mario al New York Times. Dopo aver trascorso quasi due mesi in ospedale e esaurito tutti i giorni di malattia disponibili e le ferie, Mario Blancas aveva creato una pagina GoFundMe il 14 dicembre per aiutare a pagare le cure sanitarie di sua sorella poiché presto non avrebbe più avuto “un reddito e avrebbe dovuto pagare l’assicurazione sanitaria di tasca propria “. Ma la scorsa settimana, a soli 35 anni, la maestra modello è morta per le complicazioni del Covid-19.

125404775 dbd28209 a05f 4ee1 a1df 846ab90e47a3 - Stati Uniti, muore di coronavirus a 35 anni la "maestra degli abbracci": nel 2018 diventò virale il suo video girato in classe
La maestra Zelene Blancas morta di Covid a 35 anni 

Il suo decesso ha sconvolto la città. Blancas rimaneva spesso sveglia fino a tardi per parlare al telefono con i genitori dei suoi studenti. Gestiva un programma di alfabetizzazione per i genitori la sera e quando le lezioni sono passate all’apprendimento a distanza durante la pandemia, consegnava i testi per lo studio, completi di note scritte a mano, ai suoi studenti.

Anche dal suo letto d’ospedale, l’insegnante chiedeva del suo lavoro a scuola, ha detto la sua preside, Cristina Sanchez-Chavira. “La sua vocazione era solo quella di diffondere gentilezza”, ha detto la signora Sanchez-Chavira. “Incarnava la gentilezza e faceva sentire gli altri speciali. E lo ha fatto dentro e fuori la classe”. 

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy