Condividi:
170710165 f83fa8b6 1721 464a b038 1cf4ade2ebe7 - Superlega, Al-Khelaifi: "Non perdo tempo con favole e fallimenti"

PARIGI (Francia) – A margine dell’assemblea generale dell’Eca, organismo del quale è presidente dopo le dimissioni di Andrea Agnelli, il numero uno del Psg Nasser Al-Khelaifi si è soffermato, così come in precedenza anche Ceferin, sul progetto Superlega: “Avverto un senso di rinnovata speranza e volontà per la nostra organizzazione e per la famiglia del calcio europeo, è un onore essere il presidente dell’Eca e sono qui per tutti. Non perderò tempo a parlare della presunta Superlega perchè non mi piace concentrarmi su favole e fallimenti. Insieme abbiamo difeso gli interessi del calcio europeo per tutti”Progetto che ha visto nove club su 12 fare marcia indietro e rientrare nell’Eca, con tanto di bentornati da parte del presidente del Psg. Mentre tre club continuano a sprecare energie, il futuro che passa da alcune priorità, la prima delle quali è portare stabilità finanziaria nel calcio europeo: se non agiamo in fretta, il danno sarà irreparabile dopo i miliardi di perdite causa pandemia“. Al Khelaifi cita poi la nuova tipologia di fair-play finanziario che la Uefa implementerà con l’obiettivo di far rimanere i club del calcio europeo “al vertice dello sport e dell’entertainment ma assicurando una piramide calcistica stabile, sostenibile, inclusiva e competitiva”.

Superlega, Ceferin: “Idea ciarlatana e disgraziata”

Eca, assente la Juventus: l’Inter punta in alto

Al Khelaifi: “Con Uefa obiettivi comuni”

L’Eca punta poi a rafforzare il rapporto con la Uefa perchè, afferma Al Khelaifi “…abbiamo il dovere di dare risposte ai problemi, perchè condividiamo gli stessi obiettivi. Eca e Uefa sono due facce della stessa medaglia, dobbiamo lavorare insieme per migliorare i ricavi delle competizioni e massimizzare il valore dei tornei col nuovo formato post-2024″. Al Khelaifi non dimentica poi la lotta al razzismo e la necessità di investire sul calcio femminile, il tutto verso un calcio più inclusivo: “Oggi abbiamo il 20% di club in più coinvolti nelle fase a gironi delle europee, questo è un grande esempio del lavoro svolto fianco a fianco di Eca e Uefa”. E tirando ancora in ballo la Superlega, ha aggiunto: “Hanno cercato di dividerci, di renderci più deboli ma hanno fallito perchè hanno ottenuto l’esatto opposto. Ci hanno uniti e resi più forti”.

Fonte: Corrieredellosport.it

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy