Condividi:
183726098 47b0b803 b7e1 430f bf48 12507e1b23ee - Tra le donne afgane minacciate dal ritorno dei talebani: "Lotteremo per i nostri diritti"

KABUL – La neonata aveva un problema respiratorio, per questo alla madre è stato chiesto di rimanere qualche giorno in più in ospedale dopo aver partorito. Così Zamira è rimasta accanto alla figlia da quando è nata fino al suo ultimo respiro, una settimana dopo: quando è morta proteggendo con il suo corpo quello della piccola Hadia, sotto una raffica di colpi di kalashnikov all’ospedale di maternità gestito da Medici Senza Frontiere, nel quartiere di Dashte Barchi dove vive la comunità hazara, a sud ovest di Kabul.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy