Condividi:

WASHINGTON – “Assolutamente ridicolo”: così il presidente Donald Trump ha definito il tentativo dei Democratici della Camera di portare avanti la procedura di impeachment contro di lui. Una decisione – ha aggiunto il capo della Casa Bianca in partenza per il Texas per una visita al muro anti-clandestini con il Messico ad Alamo – che sta causando “grande rabbia” ed è una “caccia alle streghe”, ma lui non vuole più vedere violenza. Trump ha quindi citato ”Nancy Pelosi e Chuck Schumer’‘ affermando che ”se continuano su questa strada provocheranno un enorme pericolo al nostro Paese”.

Trump ha anche detto che il suo discorso ai suoi sostenitori prima dell’attacco al Campidoglio era “del tutto appropriato”. Poco prima di entrare nell’Air Force One e di volare in Texas, l’inquilino della Casa Bianca, che lascerà il potere tra otto giorni, ha anche stimato che i social network come Twitter, che hanno sospeso il suo account, hanno commesso “un errore catastrofico”.

Sono state queste le prime reazioni del capo della Casa Bianca di fronte al tentativo di rimuoverlo prima della fine del suo mandato – il 20 gennaio – in seguito all’attacco dei suoi sostenitori al Campidoglio.

La visita in Texas

 Trump è andato ad Alamo, Texas, per una visita ad un tratto di muro che ha fatto costruire lungo il confine col Messico. È la sua prima apparizione pubblica dopo l’assalto al Congresso e il primo banco di prova sul suo atteggiamento di fronte ai suoi fan. Questo mentre la Camera si riunisce per votare entro oggi la risoluzione che chiede al vicepresidente Mike Pence di invocare entro 24 ore il 25/mo emendamento per rimuovere il presidente. Una opzione che sembra tramontata dopo la “buona conversazione” (secondo fonti della Casa Bianca) che i due hanno avuto ieri nello studio Ovale impegnandosi “a continuare il lavoro per conto del Paese per il resto del loro mandato”. Nel caso la Camera è pronta a votare già domani la mozione per il secondo impeachment del presidente, per incitamento all’insurrezione.

 

Trump: “Il muro è stato uno straordinario successo”

“Abbiamo completato il muro, è stato uno straordinario successo, oltre ogni aspettativa. Abbiamo impedito ad una grande quantità di droga l’ingresso nel Paese per molti anni e decenni, stiamo fermando un sacco di immigrati illegali”,  ha detto Trump prima di partire per la visita ai  lavori di espansione della barriera in Texas.

Nuove minacce contro il Congresso, Pelosi rinforza la sicurezza

Nancy Pelosi ha convocato una riunione questa sera per potenziare le misure di sicurezza al Congresso dopo che l’Fbi e altre agenzie di sicurezza hanno lanciato l’allarme su piani degli estremisti di destra per lanciare un nuovo attacco armato prima dell’insediamento di Joe Biden. Dopo l’assalto del 6 gennaio una palizzata metallica di oltre 2 metri è in fase di costruzione intorno al Congresso, e nella capitale continuano ad arrivare forze della Guardia Nazionale, che era clamorosamente assente mercoledì scorso. Si prevede che per il 20 gennaio ci saranno 15mila militari inviata da 43 Stati diversi. Ma le misure potrebbero non essere sufficienti di fronte alle nuove, “inquietanti” minacce che sono state comunicate in un briefing, la notte scorsa, ai deputati democratici, con i piani degli estremisti di circondare con migliaia di armati il Congresso, la Casa Bianca, la Corte Suprema, insomma un vero colpo di stato con l’obiettivo di impedire ai democratici, anche assassinandoli, di entrare al Congresso e permettere ai repubblicani di assumere il potere.

Si parla di “4mila armati, che si definiscono ‘patrioti’, pronti a circondare il Congresso per impedire ai democratici di entrare”, ha rivelato alla Cnn il deputato Conor Lamb. “Sono un gruppo organizzato pronto a sparare”, ha detto ancora il democratico affermando che “nella loro testa” sono “patrioti e parlano del 1776”. “Noi non possiamo negoziare o ragionare con queste persone, devono essere incriminate, devono essere fermate, purtroppo tra loro c’è anche il presidente che per questo deve essere sottoposto ad impeachment”, ha aggiunto.

Impeachement, i repubblicani lasciano libertà di coscienza per voto alla Camera

I leader repubblicani della Camera non imporranno domani, quando con ogni probabilità arriverà in aula l’impeachment di Trump, la disciplina di partito per esprimere un voto contrario. Con una netta differenza con quanto successo nel 2019, quando a tutti i deputati repubblicani fu chiesto di votare compatti contro l’impeachment, si lascerà “la libertà di coscienza” per il voto di domani, ha spiegato Liz Cheney, numero tre della leadership Gop. La figlia dell’ex vice presidente di George Bush è la leader repubblicana della Camera che ha condannato nel modo più netto e duro l’operato di Trump dopo l’assalto del Congresso da parte di suoi sostenitori. Si prevede che la stragrande maggioranza dei deputati repubblicani – decine dei quali va ricordato il 6 gennaio hanno votato per non riconoscere la vittoria di Joe Biden – voterà contro l’impeachment. Ma non si esclude che una decina possano dare il loro voto a sostegno dell’azione dei democratici.

La stampa britannica: Ivanka vuole andare all’inaugurazione

 L’intenzione di Ivanka Trump di andare alla cerimonia di insediamento di Biden, il prossimo 20 gennaio, ha fatto andare su tutte le furie il padre, che ha già fatto sapere che non parteciperà. La 39enne, stretta consigliera del padre durante i suoi quattro anni alla Casa Bianca, spera che la sua apparizione possa aiutarla a “guadagnare sostenitori futuri” per i suoi progetti presidenziali. Lo scrive il britannico Daily Mail, che cita una fonte della Casa Bianca. Trump non andrà all’inaugurazione della presidenza Biden, ma lo farà Pence.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy