Condividi:
175543227 0a3908d0 b097 4d08 bd3f 31a9b328f752 - “Un asino mi controlla”: così la Svizzera spiava Dürrenmatt

LUGANO – Friedrick Dürrenmatt, uno dei maggiori scrittori e drammaturghi svizzeri, venne spiato per quasi mezzo secolo, praticamente quasi fino alla morte, avvenuta nel 1990, dai servizi segreti elvetici, durante gli anni della guerra fredda. L’autore de “La visita della vecchia signora”, questo il titolo della sua opera più famosa, rappresentata nei teatri di mezzo mondo, da Parigi a Roma a New York, fu vittima del vero e proprio clima maccartista che, dal secondo dopoguerra al crollo del comunismo, portò alla schedatura di 800mila cittadini svizzeri oltre che di stranieri residenti, ritenuti un pericolo per la Confederazione solo perché vicini a partiti di sinistra o, semplicemente, per aver visitato un Paese situato al di là di…

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy