Condividi:
142235049 db887b33 4d3d 4b66 a320 f8dc6c9427c9 - Ungheria, nasce un nuovo gigante dei "soldati di ventura"

BERLINO. Nell´Ungheria di Viktor Orbán una grossa azienda sta formando un´armata privata di mercenari. Con l´importante sostegno finanziario di Dubai, l´armata conterà almeno tremila ungheresi e oltre ottomila soldati di mestiere di molti altri paesi – polacchi, cechi, sudamericani, balcanici – per combattere ovunque necessario. Lo ha dichiarato al sito di notizie ungherese dailynewshungary e a novekedes.hu l´ideatore e organizzatore del programma, Richard Bagjos. 

Il progetto ricorda da vicino la realtà già esistente e operativa in Libia a fianco delle forze armate turche della brigata scelta russa Wagner. In pratica una specie di legione straniera in versione sovranista.

Ufficialmente si tratta di un progetto privato, ma riesce difficile pensare che il piano d´investimento non disponga della luce verde del potere ungherese.

Le reclute saranno, sempre secondo Bagjos e i due siti citati, scelte sulla base della prestanza fisica, dell´esperienza, del talento già mostrato come soldati, poliziotti, vigilantes, pompieri o in altri lavori d´emergenza. Si tratta di un reclutamento e selezione condotti su base diretta, ogni reclutaento ed esame online è escluso.

Il reclutamento è cominciato nel pieno riserbo in ottobre, proprio mentre per casuale coincidenza le forze armate pubbliche ungheresi lanciavano una gigantesca campagna acquisti di armi per l´ordine interno: dispositivi di ascolto, tanks tedeschi Leopard 2 e centinaia di blindati antisommossa turchi. Attualmente la società ungherese dispone già di mille mercenari operativi.

A medio termine i piani dell´azienda prevedono di creare una forza pienamente operativa attorno ai ventimila uomini, quanti sono quelli di moderni ma piccoli paesi Nato come Cechia o Slovacchia. Nel reclutamento in corso sono ricercatissimi soprattutto esperti di esplosivo, commandos, operatori radar, interpreti ed esperti di guerra elettronica, più di quanto lo siano guardie private per banche o aziende. La sede ufficiale dell´armata mercenaria sarà a Dubai, quindi fuori da Ue e Nato.

 A breve termine l´armata mercenaria, cui manca solo ancora un nome, vuole essere pronta all´istante a schierare in corsa almeno seicento soldati in ogni parte del mondo. Secondo i primi contatti presi, si parla di interventi in Afghanistan a difesa di Kabul, ma anche, imprecisati, in Iran o alla frontiera siro-irachena. Od ovunque altrove necessario. Vista la crisi dell´ordine pubblico e l´esplosione della criminalità oprganizzata nelle grandi città svedesi (che sta facendo volare i sovranisti di Jimmie Akesson in vista delle elezioni politiche di settembre) si è parlato di offrire aiuto anche alla polizia svedese.

Indirettamente la creazione dell´armata mercenaria ungaro-dubaita sembra di fatto rientrare nel riorientamento generale della politica estera magiara. Budapest sta rarefacendo ogni giorno di piú i contatti con i paesi Ue e della Nato, e in entrambe le sedi boicotta la solidarietà dell´Occidente ponendo il veto a ogni dichiarazione dura contro Russia e Cina sia per riarmo, sia per diritti umani o altri temi. Si intensificasno invece i contatti politici ed economici con Mosca, Pechino, Azerbajdzhan, Turkmenistan e con la Turchia e Iran. 

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy