Condividi:
050328246 74ac6178 bf32 418e 88c8 c792291775b6 - Usa-Cina, prima telefonata tra Biden e Xi: "Concorrenza senza conflitti". Ma Pechino è critica: "Gravi difficoltà"

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato al telefono con il presidente cinese Xi Jinping per la prima volta in sette mesi. Lo ha reso noto la Casa Bianca. Biden ha espresso l’auspicio che la “competizione” tra i due Paesi non si traduca in “conflitto”.

Al suo omologo di Pechino, ha manifestato la rassicurazione degli Stati Uniti che i rapporti restino in una “dinamica competitiva e che non si crei in futuro alcuna situazione di conflitto indesiderato”. Lo ha riferito ai giornalisti un funzionario della Casa Bianca.
 

Il colloquio, riferisce la Casa Bianca, è stato “ampio e strategico” e ha riguardato “le aree in cui convergono i nostri interessi e quelle in cui i nostri interessi, valori e prospettive divergono”. I due leader “hanno concordato di impegnarsi in entrambi i casi in modo aperto e franco. Il colloquio, come ha chiarito il presidente Biden, rientra nello sforzo in corso degli Stati Uniti per gestire in maniera responsabile la concorrenza tra gli Usa e la Repubblica Popolare Cinese. Il presidente Biden ha sottolineato il duraturo interesse degli Stati Uniti alla pace, stabilità e prosperità nell’area dell’Indo-Pacifico e nel mondo e i due leader hanno discusso circa la responsabilità di entrambe le nazioni nel garantire che la competizione non si tramuti in conflitto”.

Diversa la ricostruzione di Pechino. La politica Usa sulla Cina ha portato a “gravi difficoltà nei legami bilaterali”, con impatto sul mondo intero. Il presidente cinese Xi Jinping, nel colloquio telefonico avuto questa mattina con il suo omologo americano Joe Biden, ha detto che “quando Cina e Stati Uniti lavoreranno insieme, entrambi i paesi e il mondo intero ne trarranno beneficio”. Al contrario, ha riferito l’agenzia Xinhua, “entrambi i Paesi e il mondo intero soffriranno se Cina e Stati Uniti si affrontano”. Il colloquio trai due leader è il primo dopo il ritiro Usa dall’Afghanistan e il secondo in assoluto dopo quello di febbraio alla vigilia del Capodanno lunare.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy