Condividi:
171028618 f17a6adc db8f 4ace bca8 fe6acd339403 - Usa, esplosione nel centro di Nashville: "Atto intenzionale". Media locali: trovati resti umani

La città di Nashville, nel Tennessee, cuore country degli Stati Uniti, è stata svegliata all’alba di Natale da una impressionante esplosione in pieno centro. Un camper è saltato in aria davanti all’edificio della At&t, il gigante americano delle telecomunicazioni. E forse non è stato un caso: la deflagrazione ha danneggiato il centro di rete ospitato nell’edificio, mandando in tilt le comunicazioni in mezzo Stato. Non solo sono andati fuori servizio cellulari e Internet ma nemmeno il numero di emergenza della polizia, il 911, è stato raggiungibile in una decina di contee, tra cui alcune a quasi trecento chilometri di distanza da Nashville. L’aeroporto della città è stato costretto a interrompere i voli proprio a causa dei problemi di comunicazione.

Poteva essere una strage, viste la potenza della bomba, se non fosse stato per l’allarme lanciato per tempo. La polizia era già sul posto, chiamata per una segnalazione di spari, quando dal camper, che aveva già insospettito gli agenti, è partito un messaggio con l’altoparlante. “Una bomba esploderà tra quindici minuti, se senti questo messaggio allontanati ora”, ripeteva. La zona, già quasi deserta, è stata evacuata. E, passato il quarto d’ora, il mezzo è effettivamente esploso.
Sono stati feriti, lievemente, solo i tre poliziotti che erano sul posto. Ora l’indagine è affidata all’Fbi che, per il momento, si limita a chiedere la collaborazione della cittadinanza e non svela alcun dettaglio. E’ stato diffuso un fotogramma del camper per le eventuali segnalazioni. Il mezzo, di colore bianco, è stato ripreso da una telecamera di sicurezza all’1.22 di notte, mentre arrivava sulla Second Avenue, dove poi è stato parcheggiato. Alla guida sembra esserci una persona con il volto coperto da un cappellino con visiera.
Per la polizia statale si è trattato “di un atto intenzionale”.
Ma l’Fbi non si è ancora sbilanciata. “Non sappiamo se sia stata una coincidenza o se questa fosse l’intenzione”, ha detto il portavoce della polizia, Don Aaron, in riferimento alla vicinanza all’edificio della At&t. La società ha dichiarato che l’edificio interessato è la sede principale di una centrale telefonica, con apparecchiature di rete al suo interno. Ha confermato che alcuni servizi sono stati interrotti ma non ha fornito dettagli.

L’esplosione ha danneggiato almeno una decina di edifici. La Croce rossa è già al lavoro per allestire un rifugio per gli sfollati. Nella tarda serata italiana è stata anche diffusa la notizia  che gli investigatori avrebbero trovato resti umani sul luogo dell’esplosione. A riportarlo i media americani, tra cui Ap e Cbs che citano fonti proprie.
Non è chiaro come i resti siano collegati all’esplosione. Così come non è ancora chiaro se appartengano all’autore della bomba o una vittima.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy