Condividi:

NEW YORK – Ci sono almeno 5 morti e 40 feriti, e un sospettato è stato arrestato, ma la polizia non ha ancora un motivo per la tragedia di ieri pomeriggio a Waukesha, in Wisconsin, e non sa dire se si è trattato di un attentato terroristico. Questo per ora è il bilancio del dramma avvenuto poco prima delle cinque del pomeriggio, durante una tradizionale parata natalizia, quando un Suv rosso ha investito la gente che marciava.

Il sospetto sarebbe il 39enne Darrell Brooks Jr. Lo riferiscono diversi media Usa, anche se non c’è stata conferma ufficiale. Sitratta di un rapper che si fa chiamare MathBoi Fly. Era in possesso della chiave di una Ford. L’attacco alla parata è stato compiuto con una Ford Escape rossa.

031806872 973f830e 0b69 4a7f a6dd b5f45fcce09f - Usa, un'auto su una parata natalizia nel Wisconsin: 5 morti e decine di feriti. Fermato un rapper 39enne
Il veicolo danneggiato nel luogo del ritrovamento (afp)

«Mentre stavamo tornando dalla parata – ha raccontato il consigliere comunale Angelito Tenorio al “Milwaukee Journal Sentinel” – abbiamo visto un Suv sfrecciare a tutta velocità lungo il percorso. Poi abbiamo sentito un rumore fortissimo e grida delle persone che erano state investite. E’ successo tutto molto in fretta».

Qualcuno ha ripreso in diretta l’incidente, che mostra l’auto rossa lanciata a grande velocità fra la folla. All’inizio si pensava ad una persona che aveva sbagliato strada, ma poi ha iniziato ad investire i passanti, continuando la corsa per colpirne altri. Un agente delle forze dell’ordine ha sparato contro il Suv, nel tentativo di fermarlo, per fortuna senza colpire i passanti.

034739312 229025a1 42db 470c abfa 5133a6564d88 - Usa, un'auto su una parata natalizia nel Wisconsin: 5 morti e decine di feriti. Fermato un rapper 39enne
(reuters)

Il capo della polizia Daniel Thompson ha detto che «Sono in corso le indagini. La situazione è fluida, ma non ci sono altri pericoli. L’auto ha colpito più di una ventina di persone, tra cui alcuni bambini, però non vogliamo riportare il bilancio nel dettaglio. Le vittime sono state trasferite in ospedale». Più tardi si è saputo che erano rimasti feriti 12 bambini a 11 adulti, ma i numeri sono presto aumentati, includendo diversi morti.

Il sindaco di Waukesha, Shawn Reilly, ha commentato così: «Una tragedia orribile. La parata era una celebrazione per la nostra comunità. Il mio pensiero va a coloro che hanno perso i loro cari, a coloro che sono feriti e alle loro famiglie».

Il presidente Biden è stato informato della vicenda e la Casa Bianca ha fatto le sue condoglianze.

L’auto è stata ritrovata nel vialetto di una casa dove è stato fermato il sospetto, ma gli investigatori stanno ancora cercando di capire il motivo dell’attacco. Non escludono l’attentato terroristico, come già accaduto altre volte soprattutto in Europa a ridosso del Natale, ma non lo ritengono l’ipotesi più probabile. Si era parlato anche di una persona in fuga, dopo un accoltellamento avvenuto in un’altra zona della città, che potrebbe aver investito la parata. 

Waukesha dista meno di cento chilometri da Kenosha, la cittadina del Wisconsin scossa dalle proteste dopo l’assoluzione di Kyle Rittenhouse, l’adolescente che aveva ucciso due persone durante le manifestazioni seguite al ferimento di un cittadino nero da parte della polizia. Gli investigatori però finora non hanno fatto connessioni tra i due episodi.

Fonte: Repubblica

Condividi:

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito Web utilizziamo strumenti di prima o di terzi che memorizzano piccoli file (cookie) sul dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare report di navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi /prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore. Cookie policy